Vitamina B5

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Forme attive

La vitamina B5 o acido pantotenico è una vitamina idrosolubile.

Forme biologicamente attive, precursori e fonti della vitamina B5: calcio pantotenato, sodio pantotenato, dexpantenolo, pantetina, pantenolo.

 

Dose giornaliera di assunzione

Dose giornaliera raccomandata di vitamina B5 negli adulti: 6 mg.

 

Indicazioni

La vitamina B5 contribuisce:

  • al normale metabolismo energetico;

  • alla normale sintesi e al normale metabolismo degli ormoni steroidei, della vitamina D e di alcuni neurotrasmettitori;

  • alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento;

  • a prestazioni mentali normali.

 

Effetti fisiologici

Le forme biologicamente attive dell’acido pantotenico sono il coenzima A (CoA) e l’Acyl Carrier Protein (ACP), che fungono da trasportatori di radicali acilici (R-CO-).

Sapevi che anche la Vitamina B3 contribuisce alla riduzione di stanchezza ed affaticamento?

Il Coenzima A è una molecola fondamentale per il metabolismo dei macronutrienti e degli ormoni steroidei, in quanto funge da trasportatore universale dei gruppi acilici.

ACP è invece un carrier, o proteina di trasporto, implicato nella complessa sintesi degli acidi grassi.

Nell’organismo, l’acido pantotenico libero rappresenta una porzione molto scarsa, mentre la maggior parte si trova nei tessuti sotto forma di Coenzima A e di ACP.

 

Sintomi da carenza

Poiché la vitamina B5 è molto diffusa negli alimenti, gli stati carenziali sono eccezionali.

Carenze sperimentali, ottenute associando una dieta carente ad un farmaco antagonista dell’acido pantotenico, fanno comparire sintomi più o meno specifici in 2-3 settimane. In particolare si osservano segni generali (astenia), digestivi (nausea, vomito e dissenteria), cutanei (alopecia ed ulcere cutanee) e neurologici (cefalea, insonnia e depressione).

La “sindrome dei piedi che bruciano”, osservata in Giappone e nelle Filippine nei prigionieri durante la II Guerra Mondiale, è considerata da alcuni un segno specifico di carenza di acido pantotenico.

 

Fonti alimentari di vitamina B5

L’acido pantotenico si trova nella maggior parte degli alimenti di origine vegetale ed animale. Da qui deriva la sua denominazione: infatti in greco, pantos significa “tutto”.

Carne, pesce e uova rappresentano la fonte più importante di vitamina B5 nell’alimentazione.

 

Intossicazione

La vitamina B5 è atossica. Dosi molto elevate (10 g/giorno) possono provocare diarrea.

 

Share.

Lascia Un Commento