Famotidina – Antiulcera – Foglietto illustrativo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Famotidina

10 compresse rivestite 40 mg, prezzo: 7,45 €

 

Indicazioni Famotidina

(Che cos’è Famotidina e a cosa serve)

Famotidina agisce riducendo la quantità di acido prodotta dallo stomaco. Viene usato per trattare alcune condizioni causate da un eccesso di acido. Si tratta di un medicinale che agisce a livello del tratto gastrointestinale ed appartiene ad un gruppo di medicinali noti come antagonisti del recettore H2 dell’istamina.

Viene usato per il trattamento:

  • dei sintomi della malattia da reflusso (esofagite da reflusso lieve), come bruciori di 
stomaco (Famotidina 20 mg)
  • di un’infiammazione dell’esofago (tubo digerente) da lieve a moderata (Famotidina 40 mg)
  • di ulcere gastriche benigne
  • di ulcere duodenali
  • per la prevenzione di ulcere duodenali ricorrenti (solo con Famotidina 20 mg)
  • trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison. Si tratta di una condizione causata 
da un’abnorme produzione dell’ormone gastrina che provoca una sovrapproduzione di acido gastrico.

 

Cosa deve sapere prima di prendere Famotidina

NON prenda Famotidina

se è allergico (ipersensibile) al principio attivo o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale. Al manifestarsi di sintomi di ipersensibilità il trattamento con Famotidina deve essere sospeso.

I bambini non devono essere trattati con Famotidina.

 

Avvertenze

(Precauzioni prima dell’uso)

Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere il medicinale

  • Se si manifesta uno qualsiasi dei seguenti sintomi lo comunichi immediatamente al medico:
    • una perdita involontaria di peso
    • vomito ripetuto
    • difficoltà a deglutire
    • sangue nel vomito
    • aspetto pallido e senso di debolezza (anemia)
    • sangue nelle feci

Il medico può ritenere necessario farla sottoporre a qualche esame per escludere l’eventuale natura maligna della malattia: la famotidina allevia infatti anche i sintomi del cancro e potrebbe quindi causare un ritardo nella diagnosi. Se i sintomi persistono nonostante la terapia, dovrà essere presa in considerazione la necessità di svolgere ulteriori accertamenti

  • Se contemporaneamente sta prendendo atazanavir per il trattamento dell’infezione HIV.
  • Se soffre di ulcera duodenale e ulcera gastrica benigna il medico può ritenere che queste siano state causate da una infezione batterica da  Pylori. In questo caso dovrà sottoporsi ad una speciale terapia sotto controllo medico per eliminare questi batteri.
  • Se la funzionalità dei suoi reni (renale) è compromessa. Il medico Le può prescrivere una dose più bassa di farmaco.
  • Non usi Famotidina se soffre di lievi disturbi gastrointestinali. Consulti il medico.

 

Interazioni con altri farmaci

(Possibili interazioni con altre medicine)

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.
 Se prende uno dei medicinali sotto indicati, consulti immediatamente il medico: Non prenda Famotidina

  • se nel contempo sta prendendo probenecid (un medicinale per trattare la gotta), 
perché probenecid può ritardare l’eliminazione di famotidina.
  • contemporaneamente a atazanavir, ritonavir e tenofovir (medicinali per il 
trattamento dell’infezione HIV)

L’effetto di Famotidina viene ridotto da:

  • medicinali che neutralizzano l’acidità gastrica (antiacidi). A causa della riduzione 
dell’effetto di Famotidina, la stessa dovrà essere presa almeno 1-2 ora prima dell’antiacido.
  • sulcralfato (medicinale per il trattamento delle ulcere). Di norma l’assunzione del sulcralfato non deve avvenire prima che siano trascorse 2 ore dall’assunzione di Famotidina.

Famotidina può ridurre l’effetto di:

  • ketoconazolo o itraconazolo (medicinali per il trattamento delle infezioni micotiche). 
Prenda il ketoconazolo 2 ore prima di prendere Famotidina.
  • atazanavir contemporaneamente a ritonavir (medicinali per il trattamento 
dell’infezione HIV).

Cibi e bevande

Famotidina può essere preso indipendentemente dal cibo.

 

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.

Gravidanza

In caso di gravidanza, il medico le prescriverà il medicinale solo se strettamente necessario.

Allattamento al seno

Se sta prendendo Famotidina eviti di allattare il suo bambino al seno. Famotidina viene escreta nel latte materno e sussiste la possibilità che influisca sulla secrezione acida gastrica del neonato.

 

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

Non è noto se Famotidina può influenzare la sua capacità di guidare o di operare su macchinari. Non si metta alla guida di autoveicoli e non operi su macchinari finché non vi sia la certezza che le sue capacità non sono compromesse.

 

Come prendere Famotidina

(Posologia)

Prenda sempre questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

Metodo di somministrazione

Le compresse di Famoditina devono essere ingerite intere con del liquido. Non è necessario che le compresse vengano prese durante i pasti.

La dose raccomandata dipende dalla gravità della malattia e dal dosaggio somministrato in trattamenti precedenti. Il medico deciderà quanto medicinale Lei deve prendere.

Di seguito vengono indicate le dosi raccomandate:

Trattamento dei sintomi della malattia da reflusso (ad es. bruciori di stomaco)

20 mg di famotidina due volte al giorno.

Trattamento dell’infiammazione all’esofago (tubo digerente) da lieve a moderata

40 mg di famotidina due volte al giorno.

Ulcere gastriche benigne e ulcere duodenali

40 mg di famotidina prima di coricarsi.

Il trattamento deve essere continuato per 4-8 settimane. Tuttavia, questo termine può essere abbreviato se il medico ritiene che l’ulcera si sia cicatrizzata (per esempio, tramite un esame endoscopico). Se l’esame rivela che l’ulcera non si è cicatrizzata, il trattamento deve essere prolungato per altre 4 settimane.

Prevenzione delle ulcere duodenali ricorrenti

20 mg di famotidina alla sera.

Sindrome di Zollinger-Ellison

In assenza di una terapia precedente, il trattamento inizia con 20 mg di famotidina da somministrare ad intervalli di 6 ore.

A seconda della secrezione acida e della sua risposta clinica, il medico può aumentare la dose mentre il trattamento viene continuato no al raggiungimento dei livelli acidi desiderati. Se la somministrazione di un dosaggio giornaliero fino a 800 mg non da alcun risultato, il medico può prendere in considerazione un trattamento alternativo per regolare la secrezione acida.

Se si è sottoposto in precedenza ad un trattamento con medicinali simili (ad esempio, altri antagonisti del recettore H2 dell’istamina) è possibile iniziare il trattamento con Famotidina ad un dosaggio superiore a quello solitamente raccomandato. Chieda al medico qual è il dosaggio corretto per lei.

Il trattamento deve essere continuato per tutto il tempo necessario.

Pazienti con compromissione della funzionalità renale

Se la funzionalità dei suoi reni è ridotta il medico può dimezzare la sua dose giornaliera. Lo stesso vale per pazienti dializzati. Famotidina deve essere somministrata al termine della dialisi, o successivamente, dal momento che una parte di principio attivo viene rimossa tramite dialisi.

Se prende più Famotidina di quanto deve

Si rivolga immediatamente al medico oppure si rechi al più vicino pronto soccorso. Il medico cercherà di inibire l’assorbimento e di alleviare i sintomi. A tutt’oggi non sono stati segnalati casi di sovradosaggio con il principio attivo.

Se dimentica di prendere Famotidina

Se salta una dose, prenda la compressa non appena se ne ricorda. Continui poi il trattamento come al solito. Non prenda una doppia dose per compensare la dimenticanza della dose. Se non è sicuro di aver saltato la dose, si rivolga al medico.

Se interrompe il trattamento con Famotidina

Se desidera smettere di prendere Famotidina si rivolga al medico.

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

 

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestano.

Smetta di prendere il medicinale e si rivolga immediatamente al medico se si manifestano gravi reazioni allergiche/di ipersensibilità con conseguenti difficoltà respiratorie o capogiri (anafilassi), un rigonfiamento di viso o gola (edema angioneurotico), difficoltà respiratorie o respiro sibilante (broncospasmo).

Sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati:

Effetti indesiderati comuni (possono interessare no a 1 persona su 10):

  • cefalea
  • capogiri
  • costipazione (stipsi)
  • diarrea

Effetti indesiderati non comuni (possono interessare no a 1 persona su 100):

  • secchezza della bocca
  • nausea, vomito
  • disturbi gastrointestinali
  • aria (flatulenza)
  • perdita di appetito
  • eruzione cutanea, prurito (prurigine)
  • stanchezza (affaticamento)

Effetti indesiderati rari (possono interessare no a 1 persona 1000): 

  • gravi reazioni allergiche/di ipersensibilità con conseguenti difficoltà respiratorie o capogiri (anafilassi), rigonfiamento di viso o gola (edema angioneurotico), difficoltà respiratorie o respiro sibilante (broncospasmo)
  • ingiallimento della cute o del bianco degli occhi dovuto ad un blocco del flusso della bile (ittero secondario a colestasi intraepatica)
  • orticaria
  • dolore articolare (artralgia)
  • aumento dei valori di laboratorio (transaminasi, gamma GT, fosfatasi alcalina, bilirubina)

Effetti indesiderati molto rari (possono interessare no a 1 persona su 1000):

  • modificazioni del sangue: calo del numero di tutti i diversi tipi di cellule ematiche (pancitopenia) oppure calo del numero dei globuli bianchi (leucopenia, agranulocitosi) o delle piastrine (trombocitopenia) che può determinare, ad esempio, debolezza, affaticamento, febbre improvvisa, mal di gola, lividi o sanguinamento dal naso.
  • disturbi psicologici reversibili (ad es. allucinazioni, disorientamento, confusione, ansia, agitazione, depressione)
  • formicolio o insensibilità di mani o piedi (parestesia)
  • sonnolenza
  • insonnia
  • attacchi epilettici (grande male)
  • perdita dei capelli
  • gravi reazioni cutanee (ad es. necrolisi epidermica tossica)
  • crampi muscolari
  • impotenza, riduzione della libido
  • senso di costrizione al torace

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

 

Come conservare Famotidina

Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Questo medicinale non richiede particolari condizioni di conservazione.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sul blister o sulla confezione esterna dopo la dicitura SCAD. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese.

 

Contenuto della confezione ed altre informazioni

Il principio attivo è famotidina.

Famotidina 20 mg compresse rivestite con film:

1 compressa rivestita con film contiene 20 mg di famotidina.

Famotidina 40 mg compresse rivestite con film:

1 compressa rivestita con film contiene 40 mg di famotidina.

Gli altri componenti sono:

Nucleo della compressa: Cellulosa microcristallina, amido di mais, amido di mais pregelatinizzato, povidone, talco, magnesio stearato.

Rivestimento della compressa: Ipromellosa, talco, titanio diossido (E171), glicole propilenico.

Descrizione dell’aspetto di Famotidina e contenuto della confezione

Famotidina 20 mg compresse rivestite con film:

Compresse rivestite con film, rotonde, biconvesse, di colore bianco e con “20” impresso su di un lato.

Famotidina 40 mg compresse rivestite con film:

Compresse rivestite con film, rotonde, biconvesse, di colore bianco e con “40” impresso su di un lato.

Le compresse rivestite con lm sono confezionate in blister di PVC/PVDC-alluminio. 10, 15, 20, 28, 30, 50, 56, 60, 90, 100, 250, 500, 1000 compresse rivestite con film.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


N.B.: le informazioni pubblicate in questo articolo possono risultare non aggiornate o incomplete. Esse hanno scopo illustrativo, non sono consigli medici, non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore. Per ulteriori informazioni sul farmaco consultare il portale dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

 

Share.

Lascia Un Commento