Digitale

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Generalità

La digitale è data dalle foglie di Digitalis purpurea L. o di Digitalis lanata Ehrh. (Fam. Scrophulariaceae).

Digitalis, dal latino digitas = dito, da cui ditale: allusione alla forma della corolla; purpurea per il colore rosso del fiore; lanata per il rivestimento denso e di aspetto lanoso dello stesso.

 

Descrizione della pianta

D. purpurea è un’erba bienne o perenne, con radice a fittone. Nel primo anno di vita presenta una rosetta di foglie basali ovali, mentre nel secondo anno si sviluppa un caule eretto (0,5-1 m), cilindrico, coperto di peluria, con foglie caulinervie alterne, lanceolate, acute, progressivamente più piccole andando verso l’alto. Il frutto è una capsula acuminata contenente piccoli semi grigi.

digitale

 

Parti usate

Fitoterapia dello scompenso cardiaco

Le foglie costituiscono la droga, ovvero la parte della pianta contenente i principi attivi. Le foglie si raccolgono nel secondo anno di vegetazione e prima della fioritura, che ha luogo nel periodo estivo. Si scartano le radicali e si collezionano quelle della rosetta e della parte inferiore del caule.

 

Principali componenti attivi

La droga contiene i seguenti principi attivi:

 

Proprietà fitoterapiche

La digitale esercita sul cuore sano, ma soprattutto su quello scompensato, azione inotropa positiva (aumento della forza di contrazione), cronotropa negativa (riduzione della frequenza cardiaca), batmotropa positiva (aumento dell’eccitabilità del miocardio) e dromotropa negativa (diminuzione della velocità di conduzione dell’impulso e conseguente aumento del periodo refrattario). La digitale possiede anche proprietà diuretiche.

Tali effetti sono ascrivibili all’azione dei glicosidi cardioattivi contenuti nella droga, in particolare digossina e digitossina. Tali sostanze inibiscono la pompa sodio-potassio ATPasi della membrana cellulare cardiaca. Questo causa un aumento della concentrazione del sodio intracellulare che favorisce il trasporto del calcio nella cellula e ne diminuisce l’uscita, attraverso il meccanismo dello scambio sodio/calcio. Il risultato finale è un aumento del calcio intracellulare che causa un aumento della forza di contrazione sistolica.

 

Controindicazioni ed effetti collaterali

L’intossicazione può essere letale; il trattamento, a parte la sospensione tempestiva del digitalico, si avvale delle seguenti misure: controllo della potassemia e degli altri elettroliti plasmatici; somministrazione di resine scambiatrici (colestiramina) che legano e sequestrano il farmaco nel tubo digerente; uso di anticorpi antidigitalici.

In letteratura sono descritti numerosi avvelenamenti causati dall’ingestione di piante contenenti glicosidi cardioattivi. Tra questi, la percentuale maggiore di incidenti è dovuta all’ingestione delle foglie di oleandro, una pianta coltivata a scopo ornamentale in Italia ed in altri Paesi del bacino del Mediterraneo. Le manifestazioni cliniche da intossicazione da oleandro sono sovrapponibili a quelle da intossicazione con digitale. Morbilità e mortalità sono causate principalmente dagli effetti cardiotossici che, di solito, includono tachiaritmia ventricolare, bradicardia ed arresto cardiaco.

 

Share.